Pagine

giovedì 14 ottobre 2010

J.R.R. Tolkien Autore del Secolo, edizione Simonelli 2004



J.R.R. Tolkien Autore del Secolo
di Tom Shippey
Introduzione all'edizione italiana di Franco Manni
Traduzione dall'inglese di Roberto Di Scala, Beppe Roncari, Alberto Quagliaroli, Lorenzo Daniele, Filippo Rossi, Carlo Stagnaro, Simone Bonechi
Revisione e uniformazione delle traduzioni di Fiorenzo Delle Rupi
Illustrazioni di Lorenzo Daniele
Simonelli (Il piacere di raccontare), Milano, 2004, pp. 356
Illustrazione di copertina: Lorenzo Daniele, "Arcieri di Faramir (part.)"
Brossura

Risvolto di copertina
Questo libro, considerato nel mondo il più rigoroso, originale e divulgativo studio su tutta la produzione letteraria tolkieniana è la prima opera di Shippey tradotta in Italia.
Nel volume, il famoso studioso, dopo aver analizzato Il Silmarillion, Lo Hobbit e le opere minori tolkieniane si sofferma a lungo sul capolavoro di Tolkien, Il Signore degli Anelli, che è presentato come romanzo moderno e non come saga neomedievale. E, soprattutto, come "romanzo di guerra", nel cui largo simbolismo trovano potente espressione artistica le tragedie e le speranze della prima metà del XX° secolo.
Tra le tematiche principali affrontate da Shippey troviamo: lo Smarrimento e il Destino (o Fortuna); il Coraggio delle persone umili ed allegre; le Concezioni del Male; la Mediazione mitica tra paganesimo e cristianesimo.
Altri approfondimenti riguardano natura e ruolo della Letteratura Fantastica novecentesca, le fonti letterarie tolkieniane, la collocazione dell'opera tolkieniana nel canone degli stili e dei generi, le motivazioni delle risposte favorevoli e sfavorevoli della critica. Il lettore troverà qui etimologie dall'Inglese Antico, riflessioni sulle metafisiche boeziana e manichea, analisi dei moduli narratologici, genealogie tra i testi antichi, altomedievali e moderni, riferimenti precisi alle singole battaglie della Seconda Guerra Mondiale, confronti con autori come James Joyce, George Eliot, T.S. Eliot, Evelyn Waugh, riferimenti a specifici episodi della critica letteraria tra Anni Cinquanta e Anni Sessanta.
Ma il libro è, comunque e davvero, un libro accessibile e anche avvincente, perché la narrazione è sempre molto chiara, ogni riferimento culturale è collocato nel suo contesto ed è spiegato, ogni affermazione teorica è accompagnata da esempi concreti, ogni tesi interpretativa è dimostrata con lucidi schemi logici, non vi è compiacimento snobistico nell'uso dei termini tecnici.
Nell'edizione italiana, l'opera di traduzione, introduzione e annotazione è stata curata dalla rivista tolkieniana Endóre.

Quarta di copertina
"Con il suo titolo deliberatamente provocatorio, Shippey vuole significare due cose: che Tolkien è stato uno dei più grandi autori del XX secolo, nonostante i tentativi di certa critica per sminuire la sua importanza; e che Tolkien è stato un autore di quel secolo, un caratteristico autore novecentesco, nonostante da alcuni sia stato percepito come un nostalgico del medioevo."
David Bratman

Indice

    Introduzione all'edizione italiana
   
    RINGRAZIAMENTI
   
    PREMESSA:
    AUTORE DEL SECOLO
   
    I. LO HOBBIT:
    LA REINVENZIONE DELLA TERRA DI MEZZO
   
    II. IL SIGNORE DEGLI ANELLI (1):
    ELABORAZIONE DI UNA TRAMA
   
    III. IL SIGNORE DEGLI ANELLI (2):
    CONCETTI DEL MALE
   
    IV. IL SIGNORE DEGLI ANELLI (3):
    LA DIMENSIONE MITICA
   
    V. IL SILMARILLION:
    L'OPERA CHE AVEVA NEL CUORE
   
    VI. LE OPERE MINORI:
    DUBBI, TIMORI, AUTOBIOGRAFIE
   
    POSTFAZIONE:
    AMMIRATORI E CRITICI
   
    RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
   
    Note all'introduzione dell'edizione italiana
   
    Note dei traduttori
   
    Indice Analitico