Pagine

sabato 16 ottobre 2010

J.R.R. Tolkien. La biografia , edizione Fanucci 2002



J.R.R. Tolkien. La biografia
di Humphrey Carpenter
Traduzione dall'inglese di Franca Malagò e Paolo Pugni
Introduzione di Oriana Palusci
Revisione e aggiornamento della traduzione a cura di Andrea Monda
Fanucci (Saggi), Roma, 2002, pp. 380
Progetto grafico della copertina di Grafica Effe
Brossura

Di tutte le biografie su Tolkien scritte, quella di Carpenter è, a mio avviso, la più completa e la più dettagliata. Nel volume si racconta il Tolkien privato e non solo. Le sue esperienze universitarie come studente e poi come docente. La passione per l'associazionismo e per le lingue antiche emerge con grande forza dalle pagine di Carpenter. In questo volume l'appassionato tolkieniano ha modo di conoscere la vita e il perrcorso accademico del professor Tolkien. La sua carriera nel mondo universitario e la genesi della grande storia della Terra di Mezzo che noi tutti amiamo. Con questo volume si potrà colmare, almeno per un pò, quella sete di conoscenza "tolkieniana". Un libro che consiglio davvero di acquistare e da consigliare a tutti coloro i quali intendono conoscere e apprezzare Tolkien nella sua vita quotidiana.


Come riportava la prima traduzione italiana edizione pubblicata in Italia da Ares nel 1991, con l'introduzione firmata da Gianfranco de Turris:
«In una caverna sotto terra viveva uno hobbit». Con queste parole, scribacchiate sul retro di un compito da correggere, ha avuto inizio la più straordinaria invenzione narrativa della letteratura contemporanea. Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli e Il Silmarillion compongono un quadro grandioso, un orizzonte che conquista giovani e adulti. Li dobbiamo a J.R.R. Tolkien, un professore di filologia a Oxford, un uomo che ha trascorso la vita a studiare e a insegnare linguaggi astrusi e dimenticati.
C'è un forte contrasto, afferma il biografo Humphrey Carpenter, tra una vita così, apparentemente priva di sussulti, identica a tante altre, e l'altezza dell'ispirazione - una vera e propria «sub-creazione», come la definiva Tolkien stesso - che ha portato quest'«uomo qualsiasi» a creare niente meno che un intero universo, dalle origini in avanti; un universo fantastico che ha avvinto e continua ad avvincere milioni di lettori in tutto il mondo. C'è un contrasto che vale la pena di esplorare: non per trarre dalla vita argomenti per «spiegare» le opere - vizio critico che Tolkien deprecava, e non avrebbe consentito -, ma per capire se il segreto della grandezza non stia proprio nella normalità, nella capacità di cogliere e di apprezzare la ricchezza umana che si cela nelle circostanze di una vita normale.Questa biografia è la sola che abbia potuto avvalersi della diretta frequentazione di Tolkien e della sua stima. Si basa, inoltre, sull'accesso all'immenso schedario privato dello scrittore, traboccante di lettere, diari e manoscritti, e sull'amicizia con i figli, specie Christopher Tolkien, che del padre fu il più stretto collaboratore. Carpenter ha pertanto avuto la possibilità di conoscere nei dettagli più illuminanti gli anni avventurosi dell'infanzia (il trasferimento della famiglia in Sudafrica, il ritorno in Inghilterra dopo la morte del padre, la conversione della madre al cattolicesimo e l'opposizione dei familiari), della giovinezza (l'amore grande e osteggiato per la futura moglie, la guerra, gli studi, le prime amicizie), della maturità (gli «Inklings», gli affetti familiari, la ricerca linguistica, l'impulso creativo, il successo).Come precisa Gianfranco de Turris nell'Introduzione, «il risultato non è una specie di agiografia [...]. Il quadro che Carpenter offre di Tolkien e della sua personalità, dell'ambiente familiare e accademico, del suo carattere e delle sue motivazioni, nel bene e nel male, è praticamente completo. Uno strumento complementare quasi indispensabile per il lettore della sua opera narrativa».


Note di copertina
Nei trent'anni trascorsi dalla morte di J.R.R. Tolkien nel settembre del 1973, milioni di persone in tutto il mondo hanno letto Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli e Il Silmarillion, romanzi che hanno forgiato un universo dal fascino infinito, in cui la tradizione epica sembra riprendere vita con moderna sensibilità. Con la realizzazione dei kolossal di Peter Jackson, il cinema ha di recente contribuito a un ulteriore ampliamento del successo e della diffusione delle opere dello scrittore, nato a Bloemfontain, in Sudafrica, nel 1892. Malgrado l'immensa popolarità, la figura di J.R.R. Tolkien rimane però sostanzialmente oscura al grande pubblico, e pochi sono gli approcci seri e documentati alla sua vita e alla sua opera.
Scrivendo questa fondamentale biografia, l'unica autorizzata dagli eredi, Humphrey Carpenter ha potuto avvalersi della stima e della frequentazione di J.R.R. Tolkien, e ha avuto accesso al suo immenso archivio privato. A partire da queste fonti, Carpenter ha tracciato il lungo e laborioso processo che ha prodotto Il Signore degli Anelli e gli altri capolavori, attraverso l'infanzia e gli anni di guerra, la carriera accademica e la maturazione della creatività letteraria, esaminando con competenza e acume critico la vita e l'opera di uno degli scrittori più atipici e venerati del ventesimo secolo.

Indice

     Introduzione - Carpenter sa tutto di Tolkien (eccetto una cosa)
    
     Bibliografia
    
     Nota dell'autore
    
     I. Una visita
    
     II. 1892-1916: I primi anni
        1. Bloemfontein
        2. Birmingham
        3. Il «Linguaggio privato» e Edith
        4. Tea Club, Barrovian Society e altro
        5. Oxford
        6. Riuniti
        7. Guerra
        8. La compagnia si scioglie
       
     III. 1917-1925: la creazione di una mitologia
        1. Racconti perduti
        2. L'interludio di Oxford
        3. Avventura al Nord
       
     IV. 1925-1949 (1): «In una caverna sotto terra viveva uno Hobbit»
        1. La vita a Oxford
        2. Guardare le fotografie
        3. «Si è calato nelle profondità del linguaggio»
        4. Jack
        5. Northmoor Road
        6. Il cantastorie
       
     V. 1925-1949 (II): La Terza Era
        1. Arriva il signor Baggins
        2. «Il nuovo Hobbit»
       
     VI. 1949-1966: il successo
        1. Sbattendo la porta
        2. Un grosso rischio
        3. La fama o i soldi
       
     VII. 1959-1973: gli ultimi giorni
        1. Headington
        2. Bournemouth
        3. Merton Street
       
     VIII. L'Albero
    
     Appendici
        A - L'albero genealogico di J.R.R. Tolkien
        B - Cronologia della vita di J.R.R. Tolkien
        C - Opere pubblicate di J.R.R. Tolkien
        D - Traduzioni italiane delle opere di J.R.R. Tolkien
        E - Fonti e ringraziamenti
    
     Indice dei nomi