Pagine

lunedì 29 giugno 2015

Tolkien nel rapporto annuale 1931 della Philological Society


Transactions of the Philological Society 1931-32
Curato dal Professor G.E.K. Braunholtz
1° ed. 1933
David Nutt (A.G. Berry)
Londra
Rilegato


Sabato 16 maggio 1931, il Professor Tolkien discute alla Philological Society, dell’uso che Geoffrey Chaucer fa dei dialetti in Medio inglese del Nord come scherzi linguistici all’interno del Racconto del Fattore (nel testo è chiamato Osewold), terza novella dell’autore del XIV secolo dei suoi Racconti di Canterbury. Il testo della lezione ha per titolo “Chaucher use of dialects” , successivamente modificato in “Chaucer as a Philologist: The Reeve’s Tale” , per la pubblicazione nel 1934 sulla rivista della Società «Transactions of the Philological Society» (Hertford: Stephen Austin and Sons, 1934, pp. 1-170).

La conferenza è presentata in questo volume nell’Annual Report 1931.


The Philological Society
È la più antica società in Gran Bretagna dedicata allo studio scientifico del linguaggio e delle lingue oltre ad essere un ente di beneficenza. Fondata nel 1842 si è posta l’obiettivo di “indagare e promuovere lo studio e la conoscenza della struttura, le affinità, e la storia delle lingue”. Pubblica, tre volte l’anno, la rivista «Transactions of the Philological Society».
Questo il link per un ulteriore approfondimento: History of The Philological Society: The Early Years di Fiona Marshall, University of Sheffield

Tolkien e la Philological Society
Il Professor J.R.R. Tolkien entra nella Philological Society nel 1929. Quattro anni prima era stato nominato professore di filologia anglosassone all'Università di Oxford. Sono gli anni della profonda e duratura amicizia con Clive Staples Lewis e la fondazione del gruppo degli Inklings. Nel 1930 diventa ordinary member e dal 1939, al 1970-71, ricopre la carica di Vice-President.