Pagine

martedì 12 aprile 2016

Una lettera inviata per conto di Tolkien 5 giorni prima della sua morte


Lettera “di” J. R. R. Tolkien a Michael Goldman
28 agosto 1973
Foglio 1


A chi si cimenta nella ricerca di “pezzi” importanti per la propria collezione, non c’è bisogno di spiegare il desiderio di avere un libro o una lettera appartenuta o firmata da Tolkien. Spesso, la difficoltà non sta nel reperimento ma nei prezzi che, a causa anche dei film di Peter Jackson, diventano improponibili. Ma la ricerca, almeno per me, non si ferma ed è così che quotidianamente si setacciano i diversi siti web alla ricerca di qualcosa d’interessante e, si spera, unico. Nella mia ventennale carriera collezionistica ho sempre avuto grandi soddisfazioni e anche se non sono riuscito ancora ad avere qualcosa firmata da Tolkien, comunque ci sono andato vicino, acquistando libri e lettere che gli appartennero e che di sicuro passarono dalle sue mani. E qui ricordo la lettera ricevuta da Tolkien nel luglio 1926 da Cecil Lewis del Lincoln College e la lettera inviata nel dicembre 1970 ad Austin Onley, direttore dell’americana Houghton Mifflin.

È risaputo che Tolkien, dalla metà degli anni Sessanta, limitò di molto le lettere di risposta ai fan per via dell’elevato numero proveniente da ogni angolo del mondo. La fama, suo malgrado, lo aveva portato anche ad avere una segretaria, collaboratrice con l’editore Allen and Unwin, che gli gestiva la corrispondenza. Dalla fine del 1965 a luglio 1968, si fece assistere da Phyllis M. Jenkinson, che firmava la corrispondenza, sotto il nome di Tolkien preceduto dalla sigla p.p. (per procurationem) , “P.M.J.”. Dalla seconda metà del 1968 alla sua morte, ad aiutarlo vi fu Joy Hill, la stessa che ricevette in dono da Tolkien la poesia Bilbo Last Song, che apponeva un suo monogramma come sulla lettera a Austin Onley.
Le famose lettere vergate a mano da Tolkien, erano riservate a parenti, amici stretti e un numero limitatissimo di lettori. Tutte le altre, erano battute a macchina, e firmate da Tolkien oppure, come in questo caso, siglate dalla sua segretaria.


La lettera che ho aggiunto alla mia collezione fu inviata dalla George Allen and Unwin per conto di Tolkien ad un lettore. Non è noto se Tolkien fosse a conoscenza di questa lettera, se così fosse perché inviare una lettera usando la prima persona, come se l’avesse scritta lui? Se fosse stata una risposta di routine della Casa editrice londinese, perché usare la carta intestata di Tolkien e non una propria? A questo risponderemo a breve, perché ciò che davvero è particolare e mi ha colpito fin da subito, non è il suo contenuto, ma la data.

La lettera riporta la data del 28 agosto 1973, cinque giorni prima che Tolkien lasciasse questa terra, il 2 settembre.

Grazie a Christina Scull e Wayne G. Hammond, e la loro opera monumentale The J.R.R. Tolkien Companion and Guide, possiamo ricostruire i giorni precedenti all’invio della lettera. È probabile che Tolkien sapesse di questa lettera giacché a fine agosto, ricevette per l’ultima volta, la visita di Joy Hill che appena arrivata, anziché mettersi subito al lavoro, le viene offerto da bere e poi lo accompagnerà in una lunga passeggiata. Tolkien le disse che le avrebbe mostrato i suoi alberi preferiti e così visitarono il Giardino Botanico, poi a piedi lungo il fiume a guardare i salici e a visitare di nuovo il Giardino Botanico. Alla fine, le chiese di portare con sé, per il prossimo incontro di settembre, la macchina fotografica in modo da scattargli qualche foto. Nello stesso periodo, sua figlia Priscilla gli fece visita dopo esser tornata da Salisburgo, regalandogli un bottiglia di liquore austriaco e una scatola di Mozartkugeln. Dopo la sua morte, Priscilla vide che aveva mangiato tutti i cioccolatini, ma non aveva avuto il tempo di bere il liquore.

Il 25 agosto Tolkien scrisse una lettera a Glyn Daniel, ringraziandolo per una deliziosa cena a Cambridge. Il 28 agosto, giorno dell’invio della lettera, Tolkien andò a Bournemouth, dove trascorrerva le vacanze, accompagnato da un certo signor Causier. Pranzarono presso il Red Lion a Salisbury poi Tolkien si fermò con il dottor e la signora Tolhurst. Poi, mentre Causiers cerca un alloggio per sé e la sua famiglia, Tolkien gira per Bournemouth a fare shopping e va a tagliarsi i capelli. Alle 16:45 si avvia per l'Hotel Miramar, e lì scopre di aver perso la carta di credito e i soldi, ma alla reception lo riconoscono e gli consegnano la camera. Prese del tè e seppe che l’Hotel aveva una camera libera dal 4 settembre così si avviò verso casa dei Tolhursts al 22 di Little Forest Road. Ricevette la telefonata dal Red Lion che lo informò che aveva lasciato lì la sua carta di credito e in serata, Causiers gli portò i bagagli e lo informò di aver trovato delle camere singole. Il 29 agosto Tolkien scrisse a Priscilla raccontandole quanto accaduto il giorno prima e le disse che aveva deciso di soggiornare presso l'Hotel Miramar dal 4 all’11 settembre perché voleva far visita anche a molte persone a Bournemouth, tra queste Christopher Wiseman.


Dear Mr. Goldman,

Thank you very much for your letter of 26th August.
Yes, I have written a play which at present is only published in America in THE TOLKIEN READER. It is called THE HOMECOMING OF BEORHTHNOTH BEORHTHELM’S SON.

I hope this answers your question.

Yours sincerely,

pp. J. R. R. Tolkien


La lettera è una risposta ad una precedente del 26 agosto nella quale, probabilmente, si chiedeva di The Homecoming of Beorhtnoth Beorhthelm's Son pubblicato per la prima volta nel 1953 in Essays and Studies. Nella lettera di risposta del 28 agosto, si confermava che il testo era apparso nell’edizione The Tolkien Reader pubblicato negli Stati Uniti nel settembre 1966.