Pagine

sabato 18 marzo 2017

Il pub preferito da Tolkien, Lewis e Co. si rinnova nel 2018


La città di Oxford si prepara a regalare un 2018 sotto il segno di J. R. R. Tolkien. Infatti, dopo l’annuncio della grande mostra promossa dalla Bodleian Library, dal primo giugno al 28 ottobre, in onore dell’autore del Signore degli Anelli dal titolo Tolkien: The Maker of Middle-earth (con annessa pubblicazione), dalla città inglese giunge un nuova notizia davvero interessante e riguarda il pub Eagle and Child. Il locale che a Oxford non è un semplice luogo dove mangiare e bere dell’ottima birra ma è un’istituzione per gli amanti di Tolkien, Lewis, Barfield, Williams e non solo.
Ma andiamo con ordine, e prima di raccontare cosa gli accadrà, è bene fare qualche accenno sulla sua storia.

Prima i realisti e poi l’aquila
L’edificio piccolo e stretto fu probabilmente utilizzato durante la guerra civile inglese (1642-49) per gli alloggi del Cancelliere dello Scacchiere (Chancellor of the Exchequer, antico titolo del ministro del governo britannico con responsabilità di Ministro delle Finanze), ricoperta da Sir John Colepeper MP (1642-43) e Sir Edward Hyde (1643-46, ). Nel 1642, infatti, allo scoppio della guerra civile inglese la città fu scelta quale capitale della fazione dei Cavalier, i Realisti che seguivano re Carlo I il cui nome fu dato in tono dispregiativo dallo schieramento opposto, i Parlamentaristi, che gli additavano di essere beoni, frivoli e licenziosi. Al suo interno, ovviamente, era allocato il luogo dove i soldati realisti ricevevano la paga. Come sostengono alcuni, però, la data di costruzione dell’edificio è però attestata al 1650 e la sua collocazione fuori le mura alimenta il dubbio sulla storia ufficiale dell’assegnazione.
Certa invece la prima attestazione del nome del pub, 1684, Eagle and Child e si narra che derivi dal crest del Conte di Derby (nome di famiglia Stanley) che vede un aquila con un bambino nella culla e che si riferisce alla storia di un bambino nato nobile perché trovato in un nido d’aquila (QUI). Un'altra derivazione può essere quella del piccolo Ganimede rapito dall'aquila di Giove. Dal XVII secolo, il palazzo era nelle disponibilità dell’University College di Oxford.

C. S. Lewis - J. R  R. Tolkien - A. O. Barfield - C. W. S. Williams

Il Bird and Baby e gli Inklings
Ma l’Eagle and Child", come scrivevo, non è un luogo qualsiasi. Tra gli anni Trenta e Cinquanta, un gruppo di amici molto particolare si vedeva il martedì per pranzare assieme e tra loro: J. R. R. TolkienCharles Walter Stansby WilliamsClive Staples e Warnie LewisAdam FoxRoger Lancelyn GreenRobert Emlyn Havard (era anche il medico personale di Tolkien e Lewis), Ronald Buchanan McCallumGeorge SayerArthur Owen Barfield  e Christopher Tolkien.
Gli incontri erano fissati il martedì a pranzo nel pub anche chiamato "Bird and Baby” e il gruppo si era dato il nome di nome "Inklings" con Tolkien che amava anche definirlo "il nostro circolo letterario di poeti di mestiere". Scopo degli incontri era il discutere, leggere i propri scritti e quant'altro avesse a che fare con la loro produzione letteraria, davanti ad una o due pinte di buona birra. (Come recita una parte del menù del locale). In quel luogo si sono lette ad alta voce, per esempio, le prime bozze delle Cronache di Narnia  e del Signore degli Anelli. Personalmente, in questo luogo ci sono stato ogni anno a partire dal 2003 e con me ho sempre riportato ricordi bellissimi e qualcosa anche di “materiale” (da buon collezionisti).


La vendita del pub e il futuro prossimo
Con l’obiettivo di riequilibrare il proprio portafoglio delle proprietà, nel dicembre 2003 l’University College cedette l’immobile per 1,2 milioni di sterline al St John College, proprietario anche del pub di fronte il Lamb and Flag. Attualmente a gestire l’Eagle and Child è la catena Nicholson’s ma di pochi giorni fa la notizia che il pub subirà dei cambiamenti che si preannunciano davvero interessanti.
In base alla proposta presentata dal St John College all’Oxford City Council, pub verrà ampliato e ammodernato con zone ben distinte tra il mangiare e il bere. Le modifiche si estenderanno anche al numero 51 (oggi è il solo 49), compresi lo spazio oggi occupato dal Greens caffè e i piani superiori, oggi vuoti, che vedranno sette camere con bagno e una suite.
Il progetto vede la collaborazione tra il St John College e la società Young che a Oxford gestisce il King’s Arms in Holywell Street,  l’Angel and Greyhound in St Clement’s Street e il Blue Boar in Chipping Norton.
Per l’economo del St John College, Prof. Andrew Parker, il progetto rispetterà la storia del luogo (“con la connessione al gruppo letterario degli Inklings”) ma permetterà ai visitatori non solo di bere e mangiare ma anche di poter usufruire di una sistemazione in albergo. La chiusura dei lavori è prevista per il 2018, Annus mirabilis per la Oxford tolkieniana!

Fonte: Tolkien Society e Oxford Mail.